RIDE in concerto a Todays Festival!

RIDE in concerto a Todays Festival!

“Shoegaze caleidoscopico” è così che viene descritto lo stile dei Ride,
gruppo cardine della scena shoegazing e psichedelica di fine anni'80 e inizio anni '90.
Nati nel 1988 ad Oxford, i Ride, hanno fatto la storia della musica con lavori come “Nowhere”,
nominato uno dei più grandi album del genere shoegaze.
A due anni dal loro ritorno sulla scena musicale con “Weather Diaries”,
i Ride arrivano in Italia con il nuovissimo "This Is Not A Safe Place”,
in uscita il 16 agosto via Wichita Recordings distribuzione SELF.
Future Love” è il primo singolo estratto: https://youtu.be/3cN0vWnVaHU  
 
VENERDÌ 23 AGOSTO | TODAYS 2019
sPAZIO211
Biglietto: 30,00 € + d.p.
Informazioni e prevendite biglietti singoli e abbonamenti:
Ticketone - www.ticketone.it - ph: 892 101
e presso tutti i punti vendita autorizzati
 
 
È il 1988 quando quattro studenti universitari di Oxford decidono di formare un gruppo, i Ride, e vengono contatti da Alan McGee, "boss" della Creation Records, per firmare il loro primo contratto.
Nel 1990 la band entra in studio e registra musica per tre EP e un LP che pubblica tra il mese di gennaio e settembre dello stesso anno. Il primo EP è l'omonimo “Ride”. Ad aprile la band ha raggiunto un numero tale di fan da creare un hype altissimo per il loro secondo disco, l'Ep “Play” che si piazza direttamente al 32° posto della classifica inglese. È poi la volta di “Fall” e del primo LP, “Nowhere”, pubblicato ad Ottobre. I Ride erano diventati delle vere e proprie pop star.
Durante i loro live tutta l'attenzione era catturata da Loz, un vero e proprio uragano dietro la batteria, una nuvola sfocata di bacchette e capelli. Sullo stage right c'era Steve che fissava intensamente il basso. A sinistra Andy, nel suo mondo. E proprio davanti Mark, che picchiava selvaggiamente le sei corde ma poi cantava come un angelo: la dualità dei Ride in un solo corpo.
Molti dei loro contemporanei non erano riusciti ad estendere la propria fama al di là della costa britannica, i Ride invece stavano conquistando un successo globale. Conosciuti ed amati in Giappone, Australia e America, l'entusiasmo per il loro album d'esordio era esploso in tutto il mondo.
Nel 1992 esce il loro secondo Lp, “Going Blank Again”. Un album sorprendente che si piazza direttamente al quinto posto nella UK Albums Chart ed il singolo “Leave Them All Behind” diventa ben presto una hit.
È poi la volta di “Carnival of Light”, che esce nel 1994 e mette per la prima volta in luce i problemi di leadership tra Bell e Gardener all'interno della band. Il compromesso sarà raggiunto dividendo letteralmente in due l'album: il Lato A scritto da Gardener ed il Lato B da Bell. La carriera dei Ride raggiunge un punto di non ritorno.
Nel Natale dello stesso anno la band suona come supporto agli Oasis al Brighton Centre. Senza saperlo quello sarebbe stato il loro ultimo spettacolo UK.
Ognuno con la propria vita e famiglia, i Ride non erano più i quattro ragazzi cresciuti insieme che volevano formare una band. Ora ognuno aveva i suoi programmi, lontani dalle logiche del gruppo.
Nel '96, quando la band si era ormai sciolta, esce “Tarantula”.
Andy Bell, dopo una prima esperienza con gli Hurricane No. 1, gruppo brit-pop con cui produce due album, diventa il bassista ufficiale degli Oasis dal 1999 al 2009.
Gli altri intraprendono carriere soliste o all'interno di altre formazioni, Mark Gardener con Send Away the Ghosts, Laurence Colbert con i Supergrass.
Nel novembre 2014 i Ride annunciano la reunion e un tour mondiale: la band si esibisce al Coachella, al Primavera Sound Festival e al Melt! Festival.
Nel 2016 la band torna in studio con il produttore Erol Alkan per resgistrare il loro ritorno sulla scena musicale: “Weather Diaries”.
Accolto con entusiasmo dalla critica e dal pubblico, l'album si piazzato in 11# posizione nella UK album charts.
Nel nuovissimo "This Is Not A Safe Place” la band di Oxford rinnova la collaborazione con il DJ e produttore Erol Alkan. Nel nuovo album il sound della band evolve ancora, ritmi ipnotici e riff di chitarra si fondono con influenze elettroniche.
“Future Love”, il primo brano condiviso, è una traccia che riunisce molti degli elementi più amati dei Ride: le dinamiche dello shoegaze e la psichedelia melodica.
Dopo la fortunata pubblicazione e il frenetico tour di "Weather Diaries", la band si è riunita alla fine del 2018 e all'inizio del 2019 per registrare "This Is Not A Safe Place”. Il disco vede anche la collaborazione con il sound engineer Alan Moulder, con cui la band aveva già collaborato per “Weather Diaries”, “Going Blank Again” e il loro album di debutto del 1990 “Nowhere”.
 
'This Is Not A Safe Place'
R.I.D.E.
Future Love
Repetition
Kill Switch
Clouds of Saint Marie
Eternal Recurrence
15 Minutes
Jump Jet
Dial Up
End Game
Shadows Behind the Sun
In This Room
 
RIDE: www.ridemusic.net | www.facebook.com/RideOX4 | www.twitter.com/rideox4 | www.youtube.com/user/RideOfficial
COMCERTO: www.comcerto.it | www.facebook.com/COMCERTOMUSICA | instagram.com/comcerto | info@comcerto.it

Articoli correlati

News

Kendrick lamar. Esauriti ...

08/12/2019 | luigirizzo

kendrick lamar rock in roma 2020   a soli 4 giorni dalla messa in vendita terminate le disponibilità ...

News

Dopo il successo di “ir...

08/12/2019 | luigirizzo

  e' appena scesa dal palco del teatro verdi di firenze dove, lo scorso 1 dicembre, con il suo concerto “irene grandi and friends” si è regalata e ha regalato al ...

News

Gioacchino turÙ e vaness...

08/12/2019 | luigirizzo

Sole è il nuovo singolo di gioacchino turÙ e vanessa v., In uscita il 6 dicembre per musica moderna. Dopo la pubblicazione su tutte le piattaforme digitali dei pr...

2445150 foto scattate

16393683 messaggi scambiati

946 utenti online

1507 visitatori online