Nightguide intervista Daniel Posniak

Nightguide intervista Daniel Posniak

Daniel Posniak si affaccia nel mondo della musica con Over You: giovanissimo cantautore bresciano, Daniel ha già alle spalle diversi live e una bella dose di determinazione. A solo 17 anni, nato da madre italiana e padre sudafricano, Daniel Posniak è uscito con un sincolo pop/dance contaminato di raggaeton che racconta l'estate, con il suo divertimento e le sue storie brevi ma significative. Il video, girato da Giovanni Riviera, lo vede trascorrere una giornata in piscina e luna park, lontano dagli impegni quotidiani, con la ragazza e i suoi amici. 
Il sogno di Daniel Posniak, però, resta l'America: dopo aver girato per il mondo, conoscendo nuove storie e culture, è diventato quello il suo paese d'isporazione con artisti come Justin Bieber e Post Malone.





Over you è uscito da poco, e ha tutte le carte in regola per diventare il tormentone dell'estate 2019: è a questo che punta, o hai in serbo altre cartucce anche per l'autunno in arrivo? Cosa ci dobbiamo aspettare da te?
Quando è nato “Over You” era proprio quello che volevo diventasse: un tormentone estivo. Non smetto mai di scrivere canzoni. In autunno uscirà sicuramente un altro singolo e il mio obiettivo è riuscire a comporre un EP.


Hai 17 anni, e so che per alcuni possono sembrare pochi per buttarsi in questa carriera, ma la verità è che non credo ci sia un'età giusta per buttarsi nella musica. Cosa ti ha spinto a comporre, come mai hai deciso che il tuo modo di esprimerti fosse la musica? 
Ho compiuto i 17 a luglio quest'anno. Per iniziare a pensare ad una carriera nel canto penso non ci sia effettivamente un'età giusta.  Mi è sempre piaciuto cantare, mi piace stare sul palco e l'adrenalina. Mi piace scrivere le mie canzoni, esprimere ciò che provo e forse anche un po' la mia timidezza la supero con la musica e con il canto.


So che hai girato parecchio, e che ti è rimasta addosso l'America, infatti vorresti far arrivare la tua musica fin laggiù: cosa c'è che ti attrae così tanto negli USA, e quale pensi sia la ricetta giusta per riuscirci? So anche che tuo padre è sudafricano: sei stato in Sud Africa, e hai assorbito un po' della musica di quel paese?
L'America è un sogno, ma sono convinto che prima o poi ci arrivo. Mi piacciono gli artisti americani, la loro musica, la loro lingua mi ha sempre affascinato e cantare in inglese mi aiuta a trasmettere ciò che penso. Non so se ci sia una ricetta, ma a breve andrò negli Stati Uniti e inizierò a produrre qualcosa anche lì per avvicinarmi di più a quel mondo. 
Sono stato in Sud Africa. È un paese fantastico, chi ci va almeno una volta ci deve per forza ritornare (sì, è il famoso “mal d' Africa”). Forse ci andrò a dicembre con la mia famiglia. La musica del Sud Africa è molto particolare. È morto di recente Johnny Clegg, un cantante sudafricano, che ho ascoltato molto crescendo ed è sempre stato un grande artista seguito da mio padre. 


Domanda collegata a quella precedente: credi che l'Italia offra meno opportunità rispetto agli USA per i giovani musicisti? E hai mai pensato di prendere passaporto e valigia e spostarti per il bene della tua musica?
L' Italia è il paese dove sono nato e spero un giorno di venir apprezzato anche nel mio paese natale. In Italia è tutto molto complesso ma con tanta costanza ed impegno penso sia possibile raggiungere i propri sogni.
Penso spesso di andare negli Stati Uniti e, come dicevo prima, a breve andrò per provare a produrre, per farmi un po' di esperienza.


So che hai già suonato dal vivo, ci racconti come ti senti quando sei sul palco, e la reazione delle persone che vengono a vederti?
Il palco è tutto per un cantante, prima di salirci ho la tachicardia, ma una volta rotto il ghiaccio non vorrei più scendere. Sono ancora alle prime armi e il pubblico che mi ascoltava non mi conosceva ancora, però devo dire che sono riuscito a coinvolgerli e nessuno è scappato, quindi è stato un successo. La sensazione che mi rimane dopo un live è la voglia di ricominciare a cantare. 


Domanda che odiano tutti, ma non mi esimo: quasi sono i tuoi tre dischi preferiti in assoluto?
“Purpose” di Justin Bieber, “Beerbongs and Bentleys” di Post Malone, “Astroworld” di Travis Scott.
 
 
 
 
 
 
 

daniel posniak, interviste, interviste emergenti, over you

Articoli correlati

Interviste

Nightguide intervista ale...

06/10/2019 | valentina-ceccatelli

alessandro quarta polistrumentista, compositore e soprattutto violinista salentino, ha pubblicato ad agosto "alessandro quarta plays astor piazzolla", un tributo al rif...

Interviste

Intervista con francesco ...

02/10/2019 | iltaccuinopress

Francesco musolino (messina, 1981) è un giornalista culturale, autore di narrativa e insegnante di scrittura creativa. Collabora da free-lance con diverse testate nazion...

Interviste

Nightguide intervista i r...

28/09/2019 | valentina-ceccatelli

per chi non lo sapesse, un ronin è un samurai senza padrone, e quindi senza causa: la loro figura è stata portata alla ribalta in italia con film come 47 ronin, che r...

2445150 foto scattate

16343921 messaggi scambiati

895 utenti online

1425 visitatori online